associazione

L’Associazione Italiana Notai Cattolici ha risposto all’invito di Papa Francesco di “aprire le porte della Chiesa” per andare incontro all’altro, dando una testimonianza cristiana con iniziative concrete e tangibili.

Fin dalla sottoscrizione dell’atto pubblico costitutivo dell’associazione del 5 aprile 2014 ad Assisi e poi con le decisioni del successivo Consiglio Direttivo dei Notai delegati dell’AINC si è varata l’istituzione del c.d. “Notaio della Parrocchia”. Un’iniziativa che parte dal Notariato italiano ma con l’ambizione di estenderla in tutti i paesi del Notariato latino. Con questa iniziativa gli associati saranno impegnati in attività di consulenza notarile sia nelle istituzioni ecclesiastiche sia nel territorio locale e , principalmente, nelle parrocchie, per aiutare gratuitamente soprattutto le persone meno abbienti. Il Presidente Roberto Dante Cogliandro ha sottolineato che con questa iniziativa l’AINC vuole essere “più vicina ai cittadini e ai loro diritti”, mettendosi “a tutela dei più deboli”.

“Un progetto sociale di grande impatto che si sta diffondendo su tutto il territorio nazionale e oggi si arricchisce di un altro importante tassello. L’iniziativa si affianca a quella dei notai in carcere in un percorso sociale avviato ormai da oltre un anno dall’Associazione, che vuol mettere a disposizione dei più deboli le proprie competenze per la soluzione di problematiche quotidiane che spesso incidono fortemente sulla vita dei soggetti più deboli”

Il Presidente Roberto Dante Cogliandro

Il contributo dei Notai associati è destinato a persone in condizioni di disagio, sia fisico che economico, indicate dalle realtà ecclesiastiche mettendo a disposizione dei più disagiati le proprie competenze professionali per la soluzione di problematiche quotidiane che spesso incidono fortemente sulla vita dei soggetti più svantaggiati. Il Notaio Marco Galletti, delegato AINC per l’Umbria, nel commentare l’accordo siglato con la Caritas di Perugia, rappresentava l’importanza di un momento che consente ai Notai Cattolici di essere davvero al servizio della comunità con azioni concrete.